ARTICOLI ALUNNI 2F e 1F

 

FINALMENTE IN VIAGGIO D’ISTRUZIONE!

Il giorno 30 maggio dell’a.s. 2018/2019 le classi seconde dei corsi B,F,G,H, appartenenti alla Scuola secondaria di primo grado “Umberto Fraccacreta”, hanno avuto l’opportunità di partecipare alla visita d’istruzione organizzata non solo per conoscere le bellezze artistiche di Lecce e Galatina, la loro storia ambientale e culturale, ma soprattutto per permettere agli alunni  di vivere dei momenti di socializzazione e di svago.   
Un’atmosfera di goliardica spensieratezza ha “accompagnato” i gitanti durante il viaggio di andata e di ritorno. Nella prima tappa a Galatina, uno dei centri più popolosi dell’area meridionale della Puglia, gli alunni hanno visitato la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, uno dei più insigni monumenti dell’arte romanica e gotica. L’interno è ricco di affreschi, tra i quali spiccano le allegorie e le scene dell’Apocalisse, mentre sul bellissimo architrave si ritrovano rappresentati i Dodici apostoli con al centro Gesù Cristo; suggestivo nell’espressione del volto sanguinante.                                                   Dopo questo momento dedicato all’arte, non è mancato quello di degustazione del Pasticciotto Leccese, simbolo del Salento, un dolce tradizionale semplice nella preparazione ma squisito nel gusto, farcito con crema pasticcera e racchiuso da uno scrigno di pasta frolla. Come ultima meta, la città di Lecce, detta “perla” barocca, ha colpito per le decorazioni sgargianti che arricchiscono i rivestimenti degli edifici, incise in un calcare tenero e compatto dai colori caldi e dorati tipici della pietra leccese, la quale caratterizza chiese e monumenti, ma anche balconi e terrazze delle abitazioni private. La visita è proseguita presso la chiesa di S. Maria delle Grazie, l’Anfiteatro romano, la piazza di S. Oronzo, la Piazza del Duomo e infine la Cattedrale di Ss. Assunta, le cui peculiarità sono state sapientemente esposte e narrate dalla guida Luca  Adamo, il nostro erudito  “Virgilio” della giornata . Ciò che ha colpito particolarmente gli studenti, non è stato solo il barocco, bensì anche l’ospitalità, la particolarità della gastronomia e l’ordine e il candore della “Città bianca”, scenografica e accogliente, dai profumi del Mediterraneo e dalla grande bellezza.

 Calamita Alessandro  -    Casamassima Roberto 2 F

 

 

       Progetto “ Banda riciclante “   dell’I.C. Fraccacreta di Bari – Palese

Insegnare a rispettare l’ambiente : lotta al piccolo riciclo 

Punta a salvare l’ambiente, l’ambizioso progetto indetto all’interno di istituti scolastici , chiamato “ Banda riciclante “ nome derivante dall’omonimo laboratorio di riciclo, con lo slogan “LOTTA AL PICCOLO RIFIUTO “.

Gli alunni delle classi 1F,1C,1D,2D e 1A, dell’Istituto Comprensivo U. Fraccacreta di Bari-Palese , hanno partecipato al progetto che parla di riciclaggio creativo.  Un gruppo di istruttori e istruttrici, “Akisum”, “Voda”, “Vegas”, “Hilto” e “Mikmak”, travestiti da supereroi, ha insegnato l’arte del riciclaggio agli alunni delle classi coinvolte , attraverso varie esperienze creative. In particolare  gli alunni della classe 1F hanno svolto le seguenti attività:

  • Una passeggiata ed esplorazione sul porticciolo di Palese , durante la quale sono stati raccolti dagli alunni muniti di guanti e pinzette, vari rifiuti che poi sono stati differenziati,;
  • Un’ esperienza di laboratorio teatrale in classe ,durante il quale hanno imparato le tecniche del riciclaggio;
  • Travestimenti con vestiti riciclati seguiti da una sfilata creativa lungo le strade ;
  • Esibizioni delle singole classi con  marce e slogan musicali  , con canti e balli come momento conclusivo del progetto.  

 L’esperienza progettuale ha avuto inizio lunedì 25 marzo, quando tre delle cinque classi coinvolte hanno messo in pratica il proprio impegno a favore dell’ambiente presso il porto di Palese: qui i rifiuti abbondano, perciò elevato è il rischio di danno ambientale all’ecosistema marino di questo tratto di costa.                                 Insieme si sono avviati verso il porticciolo e arrivati in spiaggia si sono adoperati nella raccolta di plastica,micro plastica,vetro,micro vetro,legno,latta e indifferenziata.    L’ultimo giorno,il 27 Marzo, tutte le classi aderenti al progetto hanno sfilato per le vie di Palese, indossando abiti riciclati in modo da dimostrare ai passanti che non è necessario rinnovare il proprio guardaroba, inseguendo la moda del momento e buttando via abiti ancora nuovi. La sfilata che aveva l’obbiettivo di sensibilizzare la popolazione palesina,si è conclusa nella sede centrale dell’istituto comprensivo “U. Fraccacreta” dove ogni classe si è esibita in semplici coreografie. Questo progetto è stato svolto per insegnare agli alunni che riciclare  è molto importante per ridurre la spazzatura perché  TUTTO SI CREA E NULLA SI DISTRUGGE,MA SI MODIFICA.       

Lavenuta M.-Longo M.- Gullotti G.- Liso F. 1F

 

 

 

INNALZAMENTO DEL LIVELLO DEL MARE A CAUSA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE


ANCORA PIÙ ACCELERATO L’ INNALZAMENTO DELL’ACQUA DEI MARI

2100 LE ACQUE SI ALZERANNO DI QUASI 65 CENTIMETRI ARRECANDO DANNI NOTEVOLI ALLE CITTÀ COSTIERE

Secondo alcuni studi portati a termine da diversi ricercatori delle Università di Colorado e del National Center for Atmospheric Research  in collaborazione con la NASA. Questa ricerca si è basata su dati   raccolti attraverso satelliti nel 1993 dove Steve Nerem e i suoi colleghi sono riusciti ad arrivare a una conclusione: l’innalzamento globale del livello del mare non sta aumentando in modo costante di 3 millimetri all’anno come stimato da precedenti studi ma accelera di circa 0,08 millimetri ogi anno. Ciò significa che entro il 2100 il tasso annuale di innalzamento potrebbe raggiungere i 10 millimetri se non di più. L’innalzamento dei mari è causato dallo scioglimento di ghiacciai soprattutto in Antartide a sua volta quest’ultimo è provocato dal riscaldamento globale. A questo bisogna aggiungere il contributo delle altri componenti che determinano l’aumento del mare, l’espansione dell’oceano con l’aumento della temperatura dell’acqua, lo scioglimento dei ghiacciai montani, e cambiamenti nella quantità di acqua che si trova nei laghi e nei fiumi sulla terra. Secondo questi studi è sempre un’enorme quantità che potrebbe rivelarsi sulle coste, abbastanza da creare problemi soprattutto a grandi città come Boston e Shangai. Gli impatti più drastici dell’aumento del livello del mare, dicono i ricercatori, probabilmente si verificheranno solo alla fine del secolo, dando alle comunità più tempo peer adattarsi. Osservando l’Antartide si noterà subito che i cambiamenti nelle calotte glaciali potrebbero influenzare profondamente clima, facendo rallentare le maggiori correnti oceaniche infatti su questo argomento Pattyn dice “Quello che succede in Antartide non resta solo in Antartide, e questo che si vede molto chiaramente dai loro risultati”. Lo scrittore Amitav Ghosh commenta con rammarico la grave situazione attuale che sembra voler affrontare: “Noi viviamo in un mondo di   scienza, ingegneria e tecnologia sono molto importanti. Eppure quando    la scienza ci dice che è in atto un rapido cambiamento climatico noi chiudiamo gli occhi, proprio questa è la grande cecità.

CALAMITA ALESSANDRO 2^F

 

 

Dalla profezia dello scienziato Wallance Broecker alla sensibilità della piccola Greta.

L’aumento dell’effetto serra porterà a conseguenze devastanti per l’intero pianeta

Bari - Dopo 44 anni, oggi possiamo dire che le parole dello scienziato Wallance Broecker sono più che mai concrete. Era il 1975 quando lo scienziato descrisse su Science “L’aumento pronunciato delle temperature è causato dall’anidride carbonica” preannunciando il cambiamento climatico che stava per avvenire. Questo articolo valse allo scienziato il soprannome di “nonno” del riscaldamento globale. Già allora, era ben chiaro quello che sarebbe accaduto negli anni: un aumento esponenziale dell’effetto serra causato dall’attività umana come le attività industriali e la deforestazione che, generando grandi quantità aggiuntive di gas serra come il metano e l’anidride carbonica, vanno ad 
alterare questo fenomeno naturale di regolazione della temperatura. Si prevede, infatti, che nei prossimi decenni la temperatura potrebbe aumentare addirittura di 2° C. Ciò comporterà lo scioglimento dei ghiacciai con conseguente innalzamento del livello del mare fino ad 1,5 m: Venezia e molte altre città potrebbero essere sommerse! A tal scopo, il protocollo di Kyoto che scadrà nel 2020 e successivamente l’accordo di Parigi, che entrerà in vigore nel 2020, hanno come obiettivo quello di evitare i cambiamenti climatici pericolosi limitando il riscaldamento globale al di sotto di quei 2° C suddetti.
Il 15 marzo vi è stata la giornata dello sciopero mondiale per il futuro dell’ambiente. Questa volta però, il grido di allarme non è stato dato da uno scienziato bensì da un’adolescente sedicenne Greta Thumberg, che ha scosso i Governi di tutto il mondo chiedendo a gran voce di rispettare i limiti di emissione di carbonio sanciti nell’accordo di Parigi. E chissà che la profezia già annunciata nel lontano 1975 da Wallance Broecker e l’intervento attuale della piccola Greta possano finalmente scuotere gli animi di tutti i Governi affinché si possa contenere questo fenomeno evitando così effetti devastanti.
(Da la Gazzetta del Mezzogiorno, 2 giugno 2019).
Dalila Del Vecchio





























                                 UN TESORO NASCOSTO

                              La massima espressione del romanticismo pugliese

 Bari. Domenica pomeriggio 18 novembre, gli alunni della II F dell'Istituto Comprensivo Umberto Fraccacreta, accompagnati dalla loro docente di Arte e Immagine, professoressa Sparviero, si sono recati a Bitonto per una visita guidata presso la Cattedrale di San Valentino Martire situata nel cuore del centro storico per scoprire le bellezze dello stile romanico pugliese, argomento di studio proprio delle seconde classi. Durante la visita, gli studenti hanno potuto ripercorrere, attraverso le informazioni della guida, tutti gli aspetti principali dell'arte romanica, di cui la Cattedrale di Bitonto ne rappresenta la massima espressione. All'esterno la Cattedrale presenta la facciata principale a saliente, il rosone (il primo in Puglia) e il portale riccamente scolpito, con arco sormontato da una sfinge e fiancheggiato da due leoni su colonnine pensili, tutte espressioni dello stile romanico. 

All'interno colpisce una pianta a croce latina con tre navate, di cui quella centrale e il transetto coperte da un suggestivo soffitto a capriate lignee. In seguito ai lavori di restauro, la pavimentazione del matroneo è stata eliminata, per alleggerire i carichi, rendendo, inoltre, accessibile e visitabile il sotterraneo nel quale è presente un mosaico dell'antica chiesa paleocristiana raffigurante un grifone che sembra un vero e proprio custode agli occhi dei visitatori.
E' stata sicuramente un'esperienza che ha arricchito tutti gli alunni che hanno potuto apprezzare un tesoro prezioso, nascosto proprio nel cuore della vicina Bitonto.

 Del Vecchio  Calamita Alessandr   Colapietro Giuseppe    Dispoto Antonio Nicolò       classe 2 F